Visite Guidate Ostia Antica

Il Teatro Romano di Ostia Antica

Il teatro romano di Ostia Antica si trova all’ interno dell’area archeologica degli scavi.

Eretto sotto Augusto alla fine del I sec. a.c., era una struttura maestosa e imponente per l’epoca, basti pensare che era in grado di ospitare fino a 2500 persone.

Alla fine del II secolo la struttura venne ulteriormente ampliata e portata ad una capacità di circa 4000 posti. Il corridoio centrale d’ingresso del teatro fu poi modificato da Ragonio Vincenzio Celso nel IV secolo, il quale fece installare una statua di Roma, ancora visibile dietro il Ninfeo est, e spostare basi di statue site nel Piazzale delle Corporazioni ormai in stato di abbandono.

Assieme al retrostante piazzale delle Corporazioni il teatro di Ostia Antica formava un grandioso complesso, all’interno del quale si concentravano gli uffici dei mercanti e dei commercianti più in vista della città.

L’edificio è stato restaurato più volte nel corso dei secoli ma, nonostante le modifiche strutturali subite, conserva a pieno il fascino originale dei tempi andati.

Oggi il teatro di Ostia Antica ospita numerosi eventi culturali, tra cui concerti, spettacoli teatrali, spettacoli di danza e di cabaret.

Nell’impianto originario il teatro risale all’età augustea. Si tratta di un teatro romano completamente costruito in muratura di cui si conservano i resti sia dell’edificio scenico sia della cavea (o gradinata). La cavea si imposta su imponenti sostruzioni che delineavano una serie di tabernae e un ambulacro semicircolare che costituiva il prospetto esterno dell’edificio.
La costruzione era realizzata in opera quadrata in tufo nella scena e nell’ambulacro esterno e in opera reticolata nelle parti interne.
Il teatro fu ampliato e ricostruito quasi del tutto in epoca Severiana, quando in cui si aggiunse un altro ordine di gradini sulla sommità della cavea e si realizzò l’ingresso assiale.
Dell’impianto originario si possono ancora vedere alcuni tratti in opera reticolata utilizzata nei corridori laterali di accesso all’orchestra e alcuni filari dei blocchi che costituivano il muro di fondo della scena; i rifacimenti successivi sono stati realizzati in opera laterizia.
Sia la gradinata che la parte centrale del prospetto esterno sono stati completamente ricostruiti nel corso dei restauri effettuti sul monumento tra la fine degli anni Venti e la fine degli anni Trenta del secolo scorso.

Richiedi una visita guidata

contentmap_plugin